im-possible

Determinazione: im-possibile?

Nulla convince più l’interlocutore della tua determinazione, della determinazione che avrai nel fare ciò che stai dicendo. Nelle relazioni, specialmente quelle commerciali, specialmente quelle relative a servizi, a soluzioni, a progetti, ovvero ciò che si vende ma non si vede, non si tocca, la determinazione che “passa da te all’interlocutore” è tutto, è il valore stesso di ciò che stai vendendo. Per essere chiari, considero la determinazione l’autorevolezza delle proprie argomentazioni e non l’autorità delle proprie convinzioni.

La determinazione è figlia anche della propria consapevolezza di saperlo fare e nel tempo richiesto.

La cosa più terribile che possa capitare ad un Cliente è trovarsi di fronte un commerciale determinato, seriamente ed onestamente determinato, ma che lo è solo perché non sa che non si può fare; ovvero gli mancano le conoscenze necessarie per farlo e gli mancano le competenze per valutare se qualcuno, gestibile da lui, lo potrebbe fare.

Mio personale consiglio per un commerciale, che per essere bravo sconta un livello di sano entusiasmo tale da indurlo a sopravvalutare le proprie capacità, è quello di avere sempre vicino a sé “L’anima nera”. Chi è l’anima nera? E’ il professionista che ciascun grande commerciale cerca in ogni team. Direi quasi che non esiste un grande commerciale se vicino non ha l’anima nera. L’anima nera è colui che ti garantisce la razionalità, che conosce perfettamente ciò che esiste e quindi serve a farti valutare correttamente i rischi. Il grande commerciale però sa anche che la differenza la fa sempre quel…..qualcosa in più che solo un grande commerciale sa mettere. E non esiste nulla di più bello per un Cliente che avere la garanzia di successo con un qualcosa in più che lo differenzia rispetto ai suoi competitor. Se ti interessa dai uno sguardo a L’anima Nera su www.tritonstreet.it

Tutto ciò è valido, tranne, spesso, che per l’innovazione. L’innovazione, che in estrema sintesi, per un uomo di business, significa portare a valore economico una invenzione, il più delle volte è figlia del non sapere che non si può fare. La propensione all’ innovazione è per me l’espressione massima dell’umiltà dell’individuo, che per innovare, deve spogliarsi delle convinzioni del suo sapere. L’innovazione nasce dall’uso spasmodico dei sensi, dall’intuito, dall’ascolto delle esperienza altrui, dall’osservazione, dalle necessità degli altri, dalla volontà di dare benessere, dalla voglia di scoprire dimenticando di sapere e moltissimo altro.

Quante volte ci è capitato di fare una domanda e sentire quella risposta: “ impossibile non si può fare”.

Ecco una volta mi è capitato di chiedere una cosa a dei massimi esperti di un certo settore, per realizzare una soluzione che avevo in mente da tempo. Mi è stato risposto che se si fosse potuto fare, loro lo avrebbero già fatto.

Questa risposta mi convinse che assolutamente si poteva fare.

Allora incontrai dei bravi professionisti, ben distanti dall’essere massimi esperti, e condivisi con loro l’idea. L’entusiasmo salì alle stelle, lavorammo per mesi, e alla fine ci riuscimmo. Ora è una soluzione che sta andando sul mercato alla grande, non la cito in quanto il mio blog, “Tritonstreet,dove tutto ebbe inizio” dove è depositato questo articolo, sta raccogliendo le storie e le esperienze dei grandi professionisti con i quali ho lavorato e lavoro, oltre alle mie, e quindi non vende nulla. www.tritonstreet.it , serve a tutti coloro che non avendo avuto la fortuna di conoscere uomini capaci di illuminare la via con una idea, con una pacca sulla spalla nei momenti difficili, di sapere che la professionalità non è altro che l’insieme delle nostre e altrui esperienze. Siate umili ma determinati, sempre pronti ad imparare per diventare autorevoli; è l’unico modo per tentare di diventare grandi commerciali. Poi come al solito, ci va anche un pizzico di culo.

Leave a reply: