samurai-night

Esclusivo By Vincenzo: il piemontese dall’accento napoletano; scusate è il contrario. Anzi no, vabbè, il mio amico Vincenzo

Vincenzo ha accettato tutte le sfide che un grande commerciale può accettare, ivi inclusa quella di lasciare un cliente che lo adorava  per provare il “mustang” tra i Clienti. Selvaggio, indomabile, fiero questo era il suo nuovo Cliente. È finita che un giorno vidi lui, Vincenzo e il suo Cliente, trotterellare insieme. Erano passati solo 8 mesi ed era successo l’incredibile. A te Vincenzo due racconti per far capire chi sei…racconta l’emozione della sfida e il piacere di vendere. Ciao (Sempre di Vincenzo anche: Cosa vuol dire vendere? Mo te lo dice Vincenzo)

by Vincenzo

……da dove comincio….. vediamo un pò…. allora, tutto ebbe inizio 16 anni fa circa… mi propongono di passare alle vendite, ero in IBM e mi occupavo di delivery, responsabile dei servizi presso un grande cliente.

Le cose nuove mi sono sempre piaciute, importante per mantenere l’adrenalina alta e vedere in anticipo il futuro…. almeno uno ci prova….

Detto questo, accetto, e mi fanno la prima domanda, “preferisci il capo a Roma”, dove già lavoravo e che tra l’altro conoscevo bene, “oppure il capo a Torino”.

Che faccio, lavoro nuovo, obiettivi sfidanti, o la va o la spacca, capo a Torino.

Pochi giorni ed incontro il mio nuovo capo, tal Moreno e qui inizia la mia conoscenza con questo signore, credo sarà stato il dicembre del ’99, sembra una eternità.

Che dire, di quell’incontro ricordo praticamente tutto, il che significa che è stato un incontro in cui due professionisti, in quella situazione però era lui l’insegnate, si trovavano a parlare come se si conoscessero da chissà quanto tempo.

Mi colpirono diverse cose: l’autorevolezza, la trasparenza, l’attenzione alla gestione del cliente, la chiarezza nel far capire cosa si aspettava, l’esperienza, la voglia di divertirsi e la passione.

Non avevo dubbi, sapevo di aver fatto la scelta giusta, sapevo che professionalmente ed umanamente sarei cresciuto.

Con Moreno ho capito ancora meglio quanto è fondamentale comprendere e giocarsi il proprio livello di responsabilità, provo a spiegare il concetto. Nel caso di un venditore, parliamo di un qualcuno responsabile di sviluppare business, revenue per l’azienda e, tale responsabilità, deve essere capita all’interno dell’azienda affinché ci sia tutta l’attenzione a supportare un collega che si gioca una simile partita.

Una delle cose che mi ha colpito è l’attenzione alle idee che supportano lo sviluppo del team ed, ovviamente, dei risultati di business.

Ricordo che durante il colloquio mi parlò del libro “L’Arte della Guerra”, non l’avevo letto, corsi a comprarlo e dopo un paio di giorni era finito, come sempre un ottimo suggerimento.

In un evento per tutta l’organizzazione vendite provai a suggerire di regalare ad ogni venditore il libro, un secondo e fu così.

Ho gestito nel primo anno più di XX milioni di euro di obiettivo, non ho mai visto Moreno a Roma, tentai di farglielo notare ma mi rispose che non ne avevo bisogno, potevo andare da solo.

Dopo i primi 6 mesi avevo deciso quale doveva essere il prossimo step professionale, fare il sales manager, ne parlo con lui e a dicembre, con un figlio appena nato, ricevo una telefonata.

“hai 10min per decidere, devi andare a Torino per gestire il Gruppo XXX (incluso XXX e XXX)” , il 3 Gennaio ero su a Torino. Fine anno ero manager.

Questo solo per dire chi è Moreno, un fiume in piena, è veramente stimolante e divertente lavorare con lui. Non ci sono pause, orari, è tutto sopra gli standard, si punta solo all’eccellenza.

Ancora oggi, ormai siamo amici, mi confronto con lui ed è sempre un momento emozionante, di crescita, di stimolo a perseguire l’obiettivo con ancora più forza ed ovviamente di divertimento!

Moreno è così nel bene e nel male, il rischio è non essere alla sua velocità, ti perde…. ma questa è una legge della natura non è un comportamento negativo, ti tiene sveglio se hai voglia di giocarti la partita da protagonista.

I suoi aneddoti, i suoi racconti sono sempre stati stimolanti, ti fanno divertire ma allo stesso tempo di fanno capire qual’è il giusto approccio, a cosa devi stare attento.

Tra i tanti capi che ho avuto, sicuramente lui è stato tra quelli più determinanti per la mia crescita, sia sotto il profilo professionale sia sotto il profilo umano.

Oggi sono contento ed orgoglioso di essere un suo amico e di potermi ogni tanto confrontare con lui.

Se aprisse una scuola di sales, sicuramente avremo delle persone che farebbero la differenza per tante aziende.

Ciao Moreno e grazie!!!

Leggi anche “Cosa vuol dire vendere? Mo te lo dice Vincenzo“, clicca qui.

Leave a reply: