Quando stare fermi è veramente innovativo

Questo è un mercato davvero strano e sono felice di poter continuare a competere. Nel mio passato ho visto i grandi nomi dell’IT mondiale traballare, uscire dalla scena, altre volte resuscitare, li ho sentiti affermare che grande e centrale è bello e pochi mesi dopo dire che è meglio piccoli ma diffusi. Rete o non rete? Fornitore- Partner – Fornitore. Ed ancora: “per noi il servizio è compreso nel prezzo dell’hardware!!!” Sei mesi dopo spin off della business unit hardware perché ciò che si vende sono i servizi.

Ho un fantastico Cliente che senza cambiare nulla per 20 anni, oggi si ritrova a rappresentare l’innovazione. Adoro questo Cliente, la Sua strategia è stata: semplicemente stare fermo. Non si è fatto coinvolgere dalla frenesia di possedere le varie tecnologie. E’ stato aiutato in questo dalla Sua proverbiale tirchieria. Lui, proprio Lui, quello che comanda, scherza dicendo “in verità io avrei voluto fare qualcosa ma la risposta alle solite domande: quanto tempo impiegherò per ripagarmi l’investimento? E quanti profitti in più farò? arrivavano sempre un istante dopo una nuova rivoluzione tecnologica. E quindi mi toccava ripetere il ciclo di analisi e così per molte volte”. Ancora Lui racconta sorridendo “all’inizio ho pensato di essere lo sfigato di turno ma poi quando ho cominciato a vedere che i miei competitor, dotati di grande infrastrutture, sempre all’ultimo grido, cominciavano a crollare, ho pensato che la mia lentezza mi avesse salvato!” Ribadisco si è salvato grazie alla Sua tircheria. Oggi che il mondo IT dice “hai potenza di calcolo di tua proprietà? Sbagliato”. Be’ Lui il mio Cliente ha ancora uno dei primi contratti di outsourcing, rivisto e ripersonalizzato almeno 10 volte. Oggi che tutti dicono “hai storage di proprietà? Sbagliato” Bè Lui, il mio Cliente il suo storage è su una nuvola e Lui, il mio bel Cliente, aggiunge “come la mia testa” . Oggi che tutti dicono “hai il servizio di help desk in house?” Sbagliato” Bè Lui il mio Cliente ha affidato l’attività, da ormai vent’anni, ad una azienda che fa solo Help Desk.

L’altro giorno mi ha chiamato e mi ha detto: “Moreno vieni a trovarmi, ho voglia di costruire qualcosa per mostrare a tutti come realizziamo i nostri prodotti e mentre ci siamo parliamo un po’ di intelligenza artificiale, social ecc..” Io gli risposi “Grazie, ma sei sicuro di volerne parlare con me, tu stai tra i grandi del mercato” e Lui, il mio Cliente “come potrei parlare di business con chi è venuto da me per tentare di vendermi in passato Mainframe, Server, Hel Desk, Storage?” Lui dice, ed io concordo, che il business è fatto di emozioni, passioni, competenze e serietà e che le nuove -non tecnologie- stanno facendo esplodere i paradigmi e con loro anche tutti i sarchiaponi tecnologici. Si stanno evidenziando le stranezze del mondo IT che avendo drogato domanda ed offerta, ora non si ritrova più. Alla fine la gente ha bisogno di risolvere i propri bisogni scegliendo e comprando al prezzo giusto. Lui dice, ed io concordo, che sarà meglio non esserci in quel momento. Io lo vedo, seduto a prua, sulla sua barca, in questo momento ormeggiata a Miami, mentre attraversa l’Oceano con uno smartphone e un iPad pronto a governare il suo impero di business che da vent’anni organizza “incontri” tra i Suoi prodotti e coloro che li vogliono acquistare. Lui ha sempre innovato il modo di rendere disponibile il prodotto al tatto e alla vista della gente. Ha indotto i suoi Clienti a darsi da fare per lui, in cambio di poter comprare il prodotto ad un prezzo molto competitivo. Ma Lui li fa anche divertire. E comunque è tirchio.

Leave a reply: