Vai al contenuto

La Digitalizzazione Sistemica (Lei è Lola la mia fidanzata).

Grazie ai Social, tutti sono liberi di esprimere il proprio pensiero, di sapere come sono andate le cose, di informarsi. Un grande Diritto, una grande Opportunità, un grande Strumento!!!!!

Ma allora come abbiamo fatto a diventare più ignoranti di prima? Ad essere sempre più maleducati? E sempre più bugiardi?.

Semplice: non ci sono più le regole, i divieti, i sacrifici, le ambizioni, le punizioni, il rigore, la libertà di scegliere di essere unici o di essere in pochi, il valore.

E’ poi sempre meglio essere in tanti.

Ma il digitale quindi è questa roba? Sicuramente no ma purtroppo sì, perchè hanno pensato e realizzato il Digitale come un normale strumento della Economia Lineare. Hanno dimenticato infatti che per la prima volta i gaglioffi, gli stolti, gli scansafatiche, potevano entrare nelle menti tenere degli adolescenti, degli adulti poco avveduti, delle masse di incapaci di comprendere i fatti ed abili solo a seguire quelli della fila davanti, senza mai chiedersi, e quindi conoscere, dove stava andando la prima fila. E poi i social raccontano, mostrano spaccati della vita altrui, e questo risulta attraente.

Allora sotto l’enorme potenziale del digitale, è più evidente la parte peggiore del progresso.

E poi lo sappiamo tutti, sui social ci sono le risposte per tutti coloro che si vergognano dei difetti del proprio corpo, però mai nessuno si vergogna sui social dei difetti della propria mente. Essere ignoranti, ovvero ignorare, è sempre più spesso la normalità, esserlo molto ignoranti quasi sempre è un vezzo.

Abbiamo perso il piacere di comprendere, di progredire, purtroppo anche di insegnare. Forse non abbiamo nulla da insegnare. Ma non è vero!!!

Comunque è sempre meglio essere in tanti, anche per non capire.

In Economia Lineare un essere umano nel Mondo Digitale è interessante solo perchè è un profilo e più profili si identificano e più si è importanti.

Fino a pochi anni orsono i genitori usavano fasciare fino a sei mesi i bambini appena nati, un segno di grande ignoranza. Oggi i neonati si esibiscono ovunque sui social e a tutti gli sconosciuti, un segno di grande progresso. E sono profili importanti perchè i genitori spendono molto per emulare i figli di quelli più belli, più ricchi….

Una volta i bambini intorno ai tre o quattro anni con i loro genitori cenavano o pranzavano a casa, un segno di grande ignoranza. Oggi urlano nei ristoranti, correndosi dietro ed importunando gli altri ospiti mentre i genitori parlano tra loro ed ovviamente nessuno può dire niente, perchè la risposta è “ma cosa vuole? sono solo bambini”. Che magnifico esempio di progresso!!!.

Una volta i genitori dicevano ai bambini in età scolastica, ovvero quando per qualche ora restavano fuori dal loro controllo: “non accettare mai le caramelle dagli sconosciuti, se ti invitano ad avvicinarti tu tira dritto”, un segno di grande ignoranza. Oggi i bambini già a sei anni possono essere ovunque e con chiunque, spesso hanno anche le chiavi di casa. Un segno di grande progresso.

Una volta i ragazzi almeno fino a 14 o 15 anni stavano sempre nei dintorni dei propri genitori. Continuavano ad imparare qualcosa, per esempio ad usare un trapano. Quanta ignoranza!! Oggi un ragazzo di 14 o 15 anni è connesso con la famiglia attraverso WhatsApp, e non sa cos’è, giustamente, un trapano perchè lo usano solo i manovali mentre invece l’adolescente sta già ripetendo per la seconda o terza volta la prima o seconda liceo e questo gli assicurerà un posto in azienda. Quanto progresso!!!

Io ricordo che se non avessi preso la borsa di studio tutti gli anni, grazie ai voti che dovevano garantire una media superiore all’8 e addirittura la 9, mio padre si sarebbe sentito umiliato. Quanta ignoranza!!!!. Oggi se un figlio studia e non vive per la strada potrebbe avere dei problemi psicologici in futuro.

Finalmente il progresso ci ha aiutati a capire che studiare non serve a nulla perchè i soldi si fanno su Tik Tok e OnlyFans. Viva i social che supportano lo sviluppo delle Famiglie.

Una volta i ragazzi in mano avevano il pallone, la cerbottana, la fionda, i giornalini, le figurine, le biglie; le ragazze erano già più avanti, parlavano tra loro, magari anche di noi ragazzi, ma non lo sapevamo. Comunque eravamo un esercito di ignoranti. Ora ragazzi e ragazze in mano hanno il telefono e la birra; con il telefono possono vedere film a luci rosse realizzati da attori assatanati, robotici e performanti, organizzano incontri amorosi tra sconosciuti, e sempre grazie al telefonino evitano di parlare tra loro attraverso le corde vocali. Insomma un progresso incredibile.

Non voglio andare oltre in quanto il resto è profilazione, target, user experience, il massimo del progresso. Non devi fare fatica a scegliere perchè qualcuno lo ha già fatto, non devi analizzare, provare, testare e nemmeno sperimentare perchè qualcuno lo ha già fatto per te e le risposte sono già disponibili. Grande progresso. Il cervello non serve quasi più, perchè per le opinioni basta seguire le masse, per conoscere è sufficiente leggere la risposta….è quasi come fare i cruciverba leggendo le risposte sull’ultima pagina senza mail leggere le domande. Progresso puro, sapere prima di farsi la domanda.

Qui viene bene leggere questo articolo https://www.tritonstreet.it/non-ci-sono-cammelli-per-tutti/ perchè dice molto su dove stiamo andando e cosa toccherà ai nostri figli e nipoti.

Ma allora la Digitalizzazione Sistemica cos’è? Tutto a suo tempo, tutto sarà più chiaro nel prossimo articolo.

UXTP My Company moreno.tartaglini@uxtp.it– www.tritonstreet.it -Sono un imprenditore. Ho creato la Digitalizzazione Sistemica. Credo nella convergenza tra innovazione e tradizione. Consapevole delle necessità come Individui, Cittadini, Consumatori, sono attratto dai fondamentali dell’Economia Circolare per garantire lo sviluppo delle Imprese. Sono (stato) un Executive della IBM, lo scrivo perchè Executive della IBM non si smette mai di esserlo. Sono convinto che in certi momenti della vita sia importante condividere con altre persone le opportunità vissute per generare sempre più Valore per la Società, per l’Ambiente e per le Imprese.

(Articolo visualizzato 17 volta/e, 1 visualizzazione/i oggi)

Articolo precedente

Come sempre ho individuato il cane da riporto

Unisciti alla discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi