Vai al contenuto

Dedicato ai Leader di Azienda

Avicenna, il grande alchimista arabo dell’anno 1000, usava raffigurare un’Aquila che trascina un Rospo legato ad una catena nell’intento di esprimere il grande Valore che si ottiene dalla “congiunzione degli opposti”. Le caratteristiche opposte rappresentano spesso la totalità delle opportunità a disposizione.

Cominciamo con il dire che il Valore massimo di un Leader consiste nel saperle usare entrambe e nel momento in cui servono. Ma diciamo anche che il vero problema nelle Aziende è spesso quello di non sapere come usarle con armonia, oppure di selezionarne una in momenti sbagliati, o ancora, consentire a chi non sa usarle di poterle usare.

Da quando è nata Omicron Digital, due mesi orsono, Luigi, Marco, Diego, Roberto, io ed altri amici del Gruppo Omicron, lavoriamo per rendere percorribile la via del successo dell’Azienda, alle condizioni che verranno. E’ il lavoro che tutti i Leader d’Azienda devono saper fare, un lavoro antico, che oggi deve solo essere fatto molte più volte e molto rapidamente. Quindi per “mettere a terra” ciò che i Leader identificano, è necessaria una infrastruttura, una organizzazione e dei processi adeguati, che non richiedano investimenti o generino ritardi all’accesso sui Mercati. Per questo motivo abbiamo realizzato la Digitalizzazione Sistemica, ma oggi non è questo ciò che desidero condividere

Varrebbe la pena che ora i Leader si schierassero con una o l’altra delle seguenti affermazioni.

“Certo il tempo che viviamo non aiuta le Aziende in quanto crea molti dubbi sul futuro, che lascia ampi spazi sia a coloro che hanno solo Visioni future, rischiando di rendere l’Azienda “evanescente”, sia a coloro che ritengono che le Aziende siano solo adatte alla competitività di trincea, di posizione, rischiando di far impantanare l’Azienda e quindi incapace di volare quando sarà il momento”.

“Certo il tempo che viviamo aiuta le Aziende in quanto rappresenta una immensa opportunità per il futuro, sia a coloro che sono abituati a pensare in modo Visionario organizzandosi in modalità tattica, sia a coloro che pensano in modo Tattico ma che riconoscono che serve la Visione, la Strategia e lo Stile adeguato, per godere dei nuovi Mercati”.

Ora distinguiamo i Visionari, che possiamo tranquillamente riconoscere nella vita di tutti i giorni attraverso alcune delle caratteristiche più evidenti:

  • quelli che innamorati di se stessi o anche no, si innamorano della propria Visione “a prescindere”;
  • quelli che pensano che una Idea sia una Visione e quindi li senti dire: “ho avuto una idea” e…”voglio venderla perchè non sono interessato “a sporcarmi” per realizzarla”;
  • quelli che si sono “sforzati” di avere una idea, “perchè è così che si fanno i soldi” e..purtroppo ce ne sono molti ora, anzi troppi;
  • quelli che sono Visionari perchè la gente desidera che lo siano e quindi qualsiasi cosa dicano pare essere l’unico destino a cui andare incontro, sempre opposto al destino dei tattici
  • quelli che sono Visionari perchè hanno lavorato sodo nel passato, hanno avuto la fortuna di fare molte esperienze e di commettere molti errori, hanno imparato a leggere i segnali dei Mercati e sanno che la Visione è necessaria per dar vita alla Tattica di successo. Hanno nel DNA il challange.

Ora distinguiamo i Tattici, che possiamo tranquillamente riconoscere nella vita di tutti i giorni attraverso alcune delle caratteristiche più evidenti:

  • quelli che innamorati di se stessi o anche no, si innamorano della propria Tattica “a prescindere”;
  • quelli che pensano che una nuova Tattica sia talmente innovativa da rappresentare essa stessa un Prodotto da vendere;
  • quelli che si sono “sforzati” a costruire una nuova Tattica solo perchè pensano che sia l’unica chiave del successo dell’Azienda.. e purtroppo ce ne sono molti ora, anzi troppi;
  • quelli che sono Tattici perchè la gente desidera che lo siano e quindi qualsiasi cosa dicano pare essere l’unico destino a cui andare incontro, sempre opposto al destino dei visionari
  • quelli che sono Tattici perchè hanno lavorato sodo nel passato, hanno avuto la fortuna di fare molte esperienze e di commettere molti errori, hanno imparato a leggere i segnali dei Mercati e sanno che la Tattica è necessaria per dar vita alla Visione di successo. Hanno nel DNA il challange.

Avicenna troverebbe quindi nei tempi di oggi la migliore condizione per rappresentare la necessità di saper essere Aquila e Rospo, e addirittura l’opportunità di dimostrare che entrambi i ruoli rappresentano la base per l’altro verso la via del successo. Ma ancora di più: per il massimo risultato non è necessario che, quando serve, l’Aquila diventi Rospo o viceversa; è solo necessario che l’Aquila ed il Rospo incrocino il loro sguardo.

E’ il momento giusto infatti per dare spazio all’incredibile vista tattica del rospo, che anche di notte e con tempo avverso, è in grado di raggiungere l’obiettivo. E’ il momento giusto infatti per dare spazio all’incredibile visione dell’Aquila, che dall’alto è in grado di riconoscere le aree che offrono maggiori opportunità di successo e la possibilità di raggiungere più obiettivi attraverso vie di accesso non consuete.

Dopo 1000 anni dai disegni di Avicenna, è davvero giunto il momento in cui l’Aquila ed il Rospo incrocino i loro sguardi e chi avrebbe mai detto che l’era digitale avrebbe rilanciato il famoso alchimista consentendo a Rospi ed Aquile di considerare che solo insieme si raggiunge il massimo successo.

Questo breve racconto è dedicato a tutti coloro che nelle proprie Aziende si stanno organizzando per cogliere le nuove e migliori opportunità dei Mercati; ma prima di tutto ai miei colleghi di Omicron con i quali sto condividendo questa magnifica impresa che ci coinvolge completamente.

MORENO TARTAGLINI: CEO DI OMICRON DIGITAL S.r.l. tartaglini@omicrondigital.it – www.omicrondigital.it – www.tritonstreet.it -Sono un imprenditore. Credo nella convergenza tra innovazione e tradizione. Consapevole delle necessità come Individui, Cittadini, Consumatori, sono attratto dai fondamentali dell’Economia Circolare per garantire lo sviluppo delle Imprese. Sono (stato) un Executive della IBM, lo scrivo perchè Executive della IBM non si smette mai di esserlo. Sono convinto che in certi momenti della vita sia importante condividere con altre persone le opportunità vissute per generare sempre più Valore per la Società, per l’Ambiente e per le Imprese.

(Articolo visualizzato 116 volta/e, 1 visualizzazione/i oggi)

Articolo precedente

L'Uomo, dentro, è solo un Animale.

Articolo successivo

L'Economia Circolare senza il Prof. Wally? Impossibile

Unisciti alla discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi